mercoledì 10 novembre 2010

Come sarebbe il mondo oggi se non ci fosse bisogno di dormire?

Ieri notte non riuscivo a prendere sonno. O meglio, mi son addormentato alle 7 del pomeriggio, mentre studiavo, e mi son svegliato a mezzanotte; ho cenato, mentre tutti dormivano e mi son messo a guardare uno dei tanti talk show sulla vicenda Scazzi. Seduto sul divano, come se fosse pieno giorno, guardavo questo programma, che ripeteva le stesse cose sentite da tutte le parti, e mi sembrava che la notte non esistesse. Abbiamo inventato Porta a porta, la luce elettrica, la sveglia... tutto per sconfiggere la notte, ma ancora dormiamo. Un terzo della nostra vita è occupato dal sonno, praticamente io ho vissuto 6 dei miei quasi 18 anni in stato comatoso. Cioè, volevo dire dormendo, perché in stato comatoso bene o male li ho vissuti tutti. Ho pensato a chi lavora di notte e non può godersi il giorno, a chi è insonne e deve sopportare Vespa perché tutti gli altri dormono, ho pensato a me, che col mal di pancia che avevo dovevo andare in bagno, e allora ho smesso di pensare.
Però stamattina me lo sono chiesto: come sarebbe oggi il mondo se non ci fosse il bisogno di dormire? Se nessun uomo avesse mai riposato un attimo nella sua vita, se ottant'anni fossero finalmente ottanta e non più sessanta, o cinquanta. Come sarebbero le nostre città? L'homo sapiens come oggi lo conosciamo è comparso sulla terra circa 200.000 anni fa e da allora ne ha vissuto due terzi, quindi: 200.000 diviso 100 fa 2000, che per 66,6 periodico fa circa 130.000 anni. Ergo, se non ci fosse stato bisogno di dormire, l'homo sapiens avrebbe avuto 70.000 anni di tempo in più per grattarsi la pancia e giocare a ping pong, o forse per mettere su più rapidamente una civiltà ed evolversi. Le città di oggi quindi potrebbero sia essere trafficate da milioni di auto volanti, o addirittura trovarsi su un altro pianeta, sia essere esattamente uguali, ma con i supermercati sempre aperti e più posti di lavoro per tutti, grazie ai turni. Chissà come sarebbe la letteratura, cosa penserebbero gli uomini, quanti saremmo e cosa faremmo il sabato pomeriggio. Saremmo molto più colti, perché la scuola durerebbe di più, ci sarebbe più tempo per leggere, e io sarei il capo dell'universo, ma ci sentiremmo più ignoranti, perché più si conosce e più ci si rende conto di non sapere. Chissà se ci sarebbero ancora le religioni... magari la scienza diventerebbe l'unica fonte di fede, forse qualcuno avrà conosciuto dio e si sarà reso conto che non è tutto quel granchè che vorrebbe farsi credere. Chissà quanti obesi, quanti omicidi e suicidi, quanti divorzi, quanta voglia di vivere. Chissà se quelli che non hanno mai tempo lo troverebbero e quelli che ne hanno troppo troverebbero altri modi di svagarsi. Chissà se riuscirei mai a scrivere un libro. Chissà se si potrebbe dormire lo stesso, anche senza averne bisogno. A me piacerebbe.

12 commenti:

  1. Porta a porta fa male :) Hihihi

    Sei un ragazzo davvero profondo e sensibile, è bello ogni tanto leggere qualcosa di diverso.
    Paradossalmente, alla sola idea di non avere bisogno di dormire mi viene sonno!!! :D Chissà se ci sarebbero correnti filosofico/religiose, magari misteriche, che insegnano agli uomini a dormire per raggiungere il divino, o se ci fosse un culto del sonno per cui chi fosse capace di ottenerlo sarebbe una celebrità ^_^ hihihi

    RispondiElimina
  2. Mi piace :) però mi era piaciuto di più "minchia" ;p

    RispondiElimina
  3. caro salvo davvero carino il post ma chi ti dice che la conoscenza si acquisisca da svegli e non da addormentati?
    quando avevo la tua età pensavo che in sonno si sapesse tutto perchè nei sogni non si muore mai oppure se si muore poi ci si risveglia e si vive di nuovo il sonno è stupendo e ci fa vivere i sogni...e poi avere sonno è stupendo vuol dire che si è vissuta la giornata tanto di avere voglia di addormentarsi...mi è piaciuto molto e più di quel che hai scritto l'argomento che hai trattato il sonno...cioè dormire è stupendo e riconoscerlo è altrettanto stupendo...vuoi leggerti l'autobiografia di tesla?

    RispondiElimina
  4. @Beatrice: grazie :)

    @Luana: Minchia è una pietra miliare :D

    @J: Sapessi dove trovarla...

    RispondiElimina
  5. caro salvo il tipo si chiamava nicola tesla e è stato lo sscienziato più importante della storia moderna poichè aveva fatto dei dispositivi per la trasmissione dell'energia attraverso lo spazio (ai tempi chiamato etere) sfruttando il campo magnetico terrestre che si concatenava coi suoi flussi di energia (da cui la corrente alternata) che poteva spostare dove voleva gratis per cui tutti quanti avremmo potuto andare in giro gratis e non pagare bollette di luce e gas per fare andare le nostre case ma le "multinazionali" (che metto fra le vigole eprchè a quei tempi nn si chiamavano così me erano la stessa cosa) lo hanno costretto a lasciare perdere e ritirarsi a una vita da eremita in un albergo di new york mi pare dove poi morì da vecchio...ma le cose più importanti che descrive nella sua autobiografia sono le esperienze "extrasensoriali" che aveva da giovane...per questo ti dico di non perdere di vista l'incoscienza perchè senza di quella non si scopre niente e si va di abitudine

    RispondiElimina
  6. caro salvo ti si è aggiunta una lettrice che prende in esame alcune forme della nostra esistenza che te non avevi preso in considerazione...la mente giovane è la più interessante perchè va di immaginazione contro invece alla conoscenza acquisita dei vecchi che parlano per "sentito dire" perchè le esperienze vere e proprie non tutti le vivono veramente e molti si comportano in maniere usuali solo perchè è consuetudine...
    cara beatrice di quelle superstars lì ne ho conosciute parecchie: tutte le donne che si sono stancate di me si mettevano a dormire tutto il giorno per non vedermi...diciamo che le donne sono tutte superstars perchè quando si stancano del loro uomo dormono tutto il giorno per non farsi toccare e poi raggiungono il risultato di litigare e avere un pretesto per farsi una nuova vita...e non ti parlo solo delle mie esperienze ma anche di altri che vedo che le loro donne dormono tutto il giorno specie quando c'è il loro uomo in casa e dunque non è che abbiano più molto da dirsi

    RispondiElimina
  7. però tutti quegli hihihi mi pare che sei te che ti commenti da solo con un nome da femmina

    RispondiElimina
  8. Ahahahahhahahhaha, no, se dovessi commentarmi da solo mi firmerei col tuo nome, sarebbe più divertente.

    RispondiElimina
  9. non ti sembra di essere un po' troppo presuntuoso adesso? e poi me ne accorgerei subito

    RispondiElimina
  10. Non credevo che Porta a Porta fosse stato inventato per sconfiggere il sonno..ero assolutamente convinto del contrario...

    Comunque bisogna assolutamente dormire per : SOGNARE.

    RispondiElimina
  11. @anonimo: notte e sonno son due cose molto diverse ;) comunque hai ragione: chissà come sarebbe il mondo senza sogni!

    RispondiElimina
  12. ma se tu nemmeno sogni xD

    RispondiElimina

I commenti offensivi e lo spam verranno cestinati